giu 25

ECONOMIA, NUOVI ASSETTI INTERNAZIONALI IN UN EUROPA CHE NON C’E PIU’

“I governi europei sono deboli e con visioni temporali di corto respiro. Nessuno al momento mostra di avere compreso, fino in fondo, quello che sta accadendo a livello globale. L’Unione Europea procede solo mettendo “toppe” e spesso non si mettono d’accordo nemmeno su quelle. Leggi il resto »

apr 26

ANATOCISMO, MARITATO: “SI ESTENDONO I DIVIETI DI APPLICAZIONE”

anatocismo“La Corte di Cassazione recentemente è intervenuta in materia di anatocismo con un importante pronunciamento, stabilendo che il divieto comprende anche la capitalizzazione annuale degli interessi. Nel giudizio d’appello, il giudice convertiva la capitalizzazione trimestrale effettuata dalla banca, stabilendo invece l’applicazione di quella annuale. A fronte di tale decisione, il correntista ha proposto ricorso per la corte di Cassazione, sottolienando che il divieto di anatocismo fosse assoluto e non limitato solo alla quantificazione trimestrale degli interessi. Si tratta di un orientamento non nuovo nell’ordinamento giuridico. Si guardi, ad esempio, la sentenza delle Sezioni Unite del 2004, dove la clausola con cui la banca prevedeva la capitalizzazione trimestrale è stata dichiarata nulla, in quanto integrante uso bancario che, in quanto tale, non è in grado di derogare al dato normativo, in particolare all’articolo 1283 c.c. Questo articolo è una vera e propria norma imperativa che non può essere derogata: dunque, il divieto di anatocismo deve intendersi comprensivo anche di una capitalizzazione annuale, in quanto gli interessi a debito del correntista non possono essere la base di alcuna capitalizzazione, pena la violazione del divieto previsto dalla legge. Si tratta di un pronunciamento molto rilevante, a tutela del consumatore”. Così, in una nota, il presidente di Assotutela, tributarista e già presidente Ante (Associazione nazionale tecnici economietrici), Michel Emi Maritato.

apr 24

FISCO, PRESSIONE DA CAPOGIPO PER CITTADINI E IMPRESE

anatocismo-373x218“Anche gli ultimi dati sulla pressione fiscale nel nostro Paese sono assolutamente allarmanti: i numeri pubblicati recentemente dall’Istat, infatti, descrivono come il prelievo fiscale nel 2017 si sia attestato 42,5% del Prodotto interno lordo. Numeri e dati impietosi, che non permettono quello sviluppo e quel rilancio economico di cui l’Italia ha disperatamente bisogno. E non basta, ad oggi, nemmeno il leggero aumento dei redditi delle famiglie che nulla possono di fronte a una tassazione da capogiro. Che disincentiva il lavoro, lo sviluppo di piccole e medie imprese. Servono politiche in grado di alleggerire la pressione fiscale, speriamo che si formi presto un governo in grado applicare sgravi a famiglie e aziende”. Così, in una nota, il presidente di Assotutela, tributarista e già presidente Ante (associazione nazionale tecnici econometrici), Michel Emi Maritato.

apr 21

FISCO, ASSOTUTELA: “LA NOTIFICAZIONE PER PEC DELLA CARTELLA DI PAGAMENTO IN FORMATO .PDF SENZA L’ESTENSIONE C.D. “P7M”, NON È VALIDA”

La notificazione per posta elettronica certificata della cartella di pagamento in formato .pdf senza l’estensione c.d. “.p7m”, non è valida. Di conseguenza illegittima l’intera cartella allegata alla PEC. Solo detta estensione “.p7m” garantisce, infatti, l’integrità e immodificabilità del documento informatico e dall’altro, in relazione alla firma digitale, consente (a chi riceve la notifica) di identificare l’autore della stessa e quindi la paternità o riferibilità della sottoscrizione medesima. L’estensione .p7m identifica infatti files sui quali è stata apposta una Firma Digitale mediante apposito software. Una volta apposta una firma digitale, l’estensione .p7m si sommerà a quella del file originario che è stato firmato. Questa è la massima espressa dai giudici trevigiani, la Commissione Tributaria Provinciale di Treviso, Sezione I, con la Sentenza numero 93 del 16 febbraio 2018. Anche per la C.T.R. della Campania, con sentennza numero 9464 del novembre 2017, il file in estensione .pdf costituisce una “mera copia informatica (digitale) dell’atto” che in assenza di attestazione di conformità non consente di affermare che tale documento sia identico all’originale”. Così, in una nota, il presidente di Assotutela, tributarista e gia presidente Ante (Associazione nazionale tecnici econometrici), Michel Emi Maritato.

Studio Maritato

Viale Castrense 31-32 – 00182 Roma

E-mail:studio.maritato@gmail.com

Pec: me.maritato@pecancot.it

Tel.: 0645421734. 8 LINEE R.A.

Fax: 0645421884

http://www.studio-maritato.it/

Via Montenapoleone n.8 20121 Milano

tel.02/82953391

apr 20

Anatocismo: illegittimo se manca la pattuizione degli interessi

Ai sensi dell’art. 2034 C.C. non è ammessa la ripetizione di quanto è stato spontaneamente prestato in esecuzione di doveri morali o sociali, salvo che la prestazione sia stata eseguita da un incapace. Il secondo comma stabilisce che i doveri indicati dal comma precedente e ogni altro per cui la legge non accorda azione (ma esclude la ripetizione di ciò che è stato spontaneamente pagato) non producono altri effetti.Lo dichiara in una nota il tributarista Michel Emi Maritato presidente di Assotutela gia’ presidente dell’associazione italiana tecnici econometrici.
Per la maggior parte della giurisprudenza, il pagamento spontaneo di interessi ultralegali non pattuiti per iscritto, configurandosi come adempimento di obbligazione naturale e rientrando, quindi, nella regola dettata dall’art. 2034 C.C., non è soggetto a ripetizione, sempre che si tratti di misura contenuta nei limiti del lecito. Ciò continua Maritato anche se, ovviamente, si precisa che l’indicato presupposto (del pagamento spontaneo) non ricorre nel caso di una banca, che abbia proceduto all’addebito degli interessi ultralegali sul conto corrente del cliente per la sua esclusiva iniziativa e senza autorizzazione alcuna da parte del cliente medesimo.
Con la sentenza n. 30114/2017 la Cassazione ha stabilito che intanto può aversi l’irripetibilità, in quanto un patto, benché invalidamente documentato, abbia comunque determinato la misura degli interessi, traendo da ciò la conclusione che, ove quel patto non vi sia, la regola dell’irripetibilità non trovi applicazione. Infatti nella giurisprudenza di legittimità è convinzione stabilmente invalsa che questo presupposto, secondo cui il pagamento spontaneo di interessi in misura ultralegale, pattuita invalidamente, costituisce adempimento di obbligazione naturale e determina l’irripetibilità della somma così pagata, non ricorre nel caso di una banca che abbia proceduto all’addebito degli interessi ultralegali sul conto corrente del cliente per sua esclusiva iniziativa e senza autorizzazione alcuna da parte del cliente medesimo (Cass., sent. 2262/1984).
La più recente giurisprudenza chiosa Maritato è venuta ad orientarsi nel senso che, in tema di anatocismo bancario, il principio dell’art. 2034 C.C. (secondo cui, come detto in precedenza, l’obbligazione naturale non è ripetibile) non operi in difetto di una pattuizione che determini la misura degli interessi, in tal caso non essendo invero argomentabile, ove pure lo fosse, un dovere morale o sociale che possa legittimare un adempimento spontaneo non ripetibile.
In ragione delle argomentazioni appena svolte, è possibile rilevare, pertanto, che il correntista possa validamente chiedere la restituzione degli importi versati in favore del proprio istituto di credito tutte le volte in cui il contratto di conto corrente, mutuo o affidamento, non riporti l’analitica determinazione degli interessi anatocistici che saranno applicati al rapporto medesimo.

apr 20

USURA, MARITATO: “SPESE ASSICURAZIONE MUTUO NO NEL CALCOLO DEL TASSO SOGLIA”

“Usura, le spese di assicurazione del mutuo non rientrano nel calcolo del tasso soglia. L’importante pronunciamento arriva dal tribunale di Taranto ed è dello scorso marzo. Numerose le novità che i cittadini devono sapere. Innanzitutto le spese derivanti dal contratto di assicurazione non rilevano al fine del calcolo dell’eventuale usurarietà del contratto di mutuo in quanto si traducono in una protezione del patrimonio del debitore che, in caso di verificazione dell’evento previsto nel contratto di assicurazione, non sarà assoggettato ad esecuzione forzata come disposto dall’articolo 2740 c.c.. Inoltre, l’interesse moratorio non può essere computato ai fini del calcolo del tasso usurario ex lege 108/1996, onde deve essere esclusa ogni ipotesi di nullità contrattuale ex articolo 1418 cc, potendo solo l’interesse moratorio essere oggetto di riduzione ai sensi dell’articolo 1384 cc quale penale pattuita per il solo ritardo nell’adempimento della obbligazione pecuniaria. Infine, l’articolo 644 del codice penale, ancorando la previsione incriminatrice al momento di costituzione del vincolo contrattuale (usura originaria), non può essere applicato alla cosiddetta usura sopravvenuta”. Così, in una nota, il presidente di Assotutela, tributarista e già presidente Ante (Associazione nazionale tecnici ed econometrici), Michel Emi Maritato.

dic 14

ASSOTUTELA PRESENTA “PREMIO ECCELLENZE, CORAGGIO E SOCIALE” II EDIZIONE

19 DICEMBRE 2016

(h 17.00 Camera dei Deputati) Leggi il resto »

mag 23

Porta Portese, perso un milione di euro: è danno erariale. Il Comune in otto anni non è stato in grado di emanare un regolamento per riscuotere le tasse

Michel Emi Maritato“Ė sempre più inverosimile ciò che accade nella nostra città e AssoTutela, che ama andare a fondo nelle cose, ha scoperto una vicenda poco edificante per cui presenteremo un esposto alla Corte dei conti” Leggi il resto »

mag 18

Assotutela con il canile della Muratella

nuovoLogoAssotutelaIl Presidente di Assotutela Dr. Michel Emi Maritato, candidato Sindaco di Roma, e l’Avv. Daniela Di Porto, candidata Consigliera Comunale, apprendono da fonti ufficiali, tra cui alcuni volontari del canile di Muratella, con estremo sdegno e perplessità, Leggi il resto »

mag 15

Zingaretti: tante inaugurazioni, poche manutenzioni. Prosegue il tour delle inaugurazioni, in odore di campagna elettorale, nella sanità smantellata

nuovoLogoAssotutela
“Questa volta è toccato al San Giovanni. L’instancabile tagliatore di nastri Zingaretti ha battezzato, senza acqua santa, la terapia intensiva e il pronto soccorso pediatrico del nosocomio, sostenendo come fa sovente, di aver segnato ‘una svolta storica’ quasi fosse un antico condottiero vittorioso su un campo di battaglia o uno statista alla guida di un grande impero” Leggi il resto »

Post precedenti «


Hit Counter provided by Sign Holder